SOC Governance Clinico Assistenziale

Direttore Dr. Mauro Romilio

In questa sezione trovi tutte le procedure dell’Azienda Usl Toscana Centro inserite all’interno dei Dipartimenti e/o Area;

 

CONTATTI:

Per la ricerca delle procedure delle ex aziende Usl di Empoli/Firenze/Pistoia/Prato ed altre informazioni, potete contattare direttamente la struttura Soc Governance Clinico Assistenziale:  emailgovernance.clinicoassistenziale@uslcentro.toscana.it

Telefono: 0574/807285 - 0574/807253 - 0574/807203 - 0574/807234

 

 

Caricamento in corso...

Documenti Ausl Toscana Centro

Documenti

pdf PS.DRO.42 Gestione della stanza bolla nei setting no-Covid-19 dell’Ospedale San Giuseppe di Empoli Popolari

Taggato in: 19, corona, covid, epidemia, pandemia, virus 403 download

PS.DRO.42 Gestione della stanza bolla nei setting  no-Covid-19 dell’Ospedale San Giuseppe di Empoli

SCOPO / OBIETTIVI :

Definire la gestione delle stanze bolla nei setting no-Covid-19 dell’Ospedale San Giuseppe di Empoli.

pdf PS.DS.05 rev.4 Gestione DPI per epidemia COVID-19 Popolari

Taggato in: 19, corona, covid, epidemia, pandemia, virus 330 download

Scarica (pdf, 913 KB)

PS.DS.05 rev.4 Gestione DPI.pdf

PS.DS.05 rev.4 Gestione DPI per epidemia COVID-19

SCOPO / OBBIETTIVI :

Lo scopo di tale documento è quello di progettare un sistema puntuale di rendicontazione della distribuzione dei DPI consegnati da ESTAR e/o donatori privati e finalizzato a mapparne l’andamento delle giacenze residue nelle diverse DSPO. Tali giacenze saranno utilizzate anche dalla TASK Force DPI per far fronte ad eventuali criticità emerse nelle diverse zone della ASL TC.

ALLEGATI :

Allegato 1: schema di monitoraggio fabbisogni DPI

pdf PS.DS.07 Distribuzione Dispositivi Protezione Individuali (DPI) assegnati al Territorio Popolari

Taggato in: 19, corona, covid, epidemia, pandemia, virus 275 download

PS.DS.07 Distribuzione Dispositivi Protezione Individuali (DPI) assegnati al Territorio

SCOPO / OBBIETTIVI :

Una corretta distribuzione dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), tra cui anche le mascherine protettive, tra gli operatori dei servizi sanitari e socio-sanitari si pone come elemento imprescindibile per consentire agli stessi di continuare a lavorare in sicurezza nelle strutture e a domicilio, evitando il diffondersi della epidemia e procedendo ad una costante e tempestiva presa in carico dei pazienti affetti da COVID-19. Pertanto, mediante il presente documento, l’Azienda USL Toscana Centro vuole garantire massima efficienza nella distribuzione e rendicontazione delle mascherine protettive (chirurgiche, Montrasio, Toscana1, Toscana2, FFP1, FFP2, FFP3) e, più in generale, di tutti i DPI assegnati al territorio. Responsabile del processo di programmazione, ricezione, distribuzione e rendicontazione dei DPI è il Direttore di Zona Distretto di competenza territoriale. La Normativa di riferimento è l’Ordinanza Regionale n. 18 del 25 marzo 2020 “Ulteriori misure straordinarie per il contrasto ed il contenimento sul territorio regionale della diffusione del virus CoViD-19. Ordinanza ai sensi dell'art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica” e il relativo allegato A “Criteri per la distribuzione e rendicontazione delle mascherine protettive”.

ALLEGATI :

ALLEGATO A – Format Rilevazione dati Zone-Distretto

ALLEGATO B – Format documento di trasporto di Zona-Distretto

ALLEGATO C – Format registro carico/scarico di Zona-Distretto

ALLEGATO C – Format registro carico/scarico di Zona-Distretto formato EXCEL

pdf PS.DS.08 Procedura specifica per l’applicazione della Circolare del Ministero della Sanità n. 12302 del 8/4/2020: Indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardanti il settore funebre, cimiteriale e di cremazione Popolari

Taggato in: 19, corona, covid, epidemia, pandemia, virus 100 download

Scarica (pdf, 655 KB)

PS.DS.08 Circolare 12302.pdf

PS.DS.08 Procedura specifica per l’applicazione della Circolare del Ministero della Sanità n. 12302 del 8/4/2020: Indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardanti il settore funebre, cimiteriale e di cremazione

SCOPO / OBBIETTIVI :

A seguito della pubblicazione da Parte del Ministero della Salute della Circolare Ministero della Salute n.12302 del 8/4/2020 avente per oggetto “indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardanti il settore funebre, cimiteriale e di cremazione” ed in particolare di quanto previsto ai commi 1 e 2 del punto D relativi ai decessi avvenuti al di fuori si strutture sanitarie accreditate o di ricovero e cura e su pubblica via, è necessario individuare le procedure da adottare nei casi in cui vi sia una morte sospetta o confermata da COVID-19. In particolare, la circolare esplicita che “nei casi di morte nei quali non si possa escludere con certezza che la persona fosse affetta da COVID-19, per il principio di precauzione, si adottano le stesse cautele previste in presenza di sospetta o accertata patologia da microrganismi di gruppo 3 o prioni”. La stessa circolare n. 12302 prevede la possibilità per i medici necroscopi di ridurre il periodo di osservazione al tempo dell’esecuzione della loro visita per consentire il più rapido incassamento del cadavere e il successivo trasporto funebre. Tale previsione deriva dall’applicazione dell’Art. 10 del Regolamento di Polizia Mortuaria (RPM) e dai successivi chiarimenti applicativi della circolare del Ministero della Sanità n. 24/1993 in cui si dà atto che le uniche eccezioni al periodo di osservazione di 24 ore sono rappresentate da:

- Accertamento della morte con tanato ECG

- Decesso con decapitazione o maciullamento

- Speciali ragioni igienico sanitarie di cui all’art.10 del RPM1 il periodo di osservazione può essere ridotto.

Ne deriva la necessità di fornire indicazioni omogenee e conformi al dettato normativo su tutto il territorio della ASL Toscana Centro al personale sanitario che interviene in occasione di un decesso al di fuori delle strutture ospedaliere o sanitarie accreditate. Per le definizioni di caso sospetto o confermato vedi punto 6.

ALLEGATI :

Allegato 1: Nota informativa alla famiglia

Allegato 2: Check list delle indicazioni di comportamento per il Medico Necroscopo (MN) nei decessi COVID-19 o sospetti avvenuti a domicilio

pdf PS.DS.10 Fase I Piano Vaccinale Anti SARS Cov-2 AUSL Toscana Centro Popolari

Taggato in: 19, corona, covid, epidemia, pandemia, virus 258 download

PS.DS.10 Fase I Piano Vaccinale Anti SARS Cov-2 AUSL Toscana Centro

SCOPO / OBBIETTIVI :

Il presente documento individua il modello organizzativo per la somministrazione delle specialità vaccinali anti SARS-CoV-2 in tutte le Fasi previste dal piano nazionale, per ottenere un’efficace azione di contrasto alla diffusione del virus ed anche al fine di promuovere a livello regionale comportamenti appropriati ed omogenei. Al fine di ottimizzare l’azione di prevenzione e l’utilizzo delle risorse nel rispetto del modello organizzativo generale definito dal ministero, le modalità attuative devono necessariamente tenere conto ed essere adattate alle specificità dei singoli ambiti territoriali.Data la disponibilità iniziale di un numero di dosi limitato e come previsto dalle indicazioni del Ministero della Salute (Circolare del Ministero della Salute prot. N. 42164/2020), in questa prima fase della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2, si opererà con l'obiettivo di massimizzare il risultato, concentrando le risorse sulla protezione del personale sanitario dedicato a fronteggiare l’emergenza pandemica e sui soggetti più fragili (ospiti assistiti nei presidi residenziali) indicata come FASE I di intervento. Con l’aumento della disponibilità di dosi si procederà con la vaccinazione delle altre categorie a rischio e, in successione, alla vaccinazione della popolazione generale. Nella tabella seguente le fasi previste dal piano generale nazionale.  La Regione Toscana rispetto allo schema presentato dal Ministero ha apportato delle modifiche sul target della popolazione individuata in un primo momento. Come da indicazione Regionale sono state identificate le seguenti categorie da vaccinare in via prioritaria nella Fase I:

  • Operatori sanitari e sociosanitari: Gli operatori sanitari e sociosanitari impegnati nell’assistenza diretta ai pazienti Covid, sia pubblici che privati accreditati, hanno un rischio più elevato di essere esposti all'infezione e di trasmetterla a pazienti suscettibili e vulnerabili in contesti sanitari e sociali. Inoltre, è riconosciuto che la vaccinazione degli operatori sanitari maggiormente esposti aiuterà a mantenere la resilienza del servizio sanitario.
  • Residenti e personale dei presidi residenziali. Un'elevata percentuale di residenze sanitarie assistenziali (RSA) è stata gravemente colpita dal COVID-19. I residenti di tali strutture sono ad alto rischio di malattia grave a causa dell’età avanzata, la presenza di molteplici comorbidità, e della necessità di assistenza per alimentarsi e per le altre attività quotidiane. Pertanto, sia la popolazione istituzionalizzata che il personale dei presidi residenziali per anziani devono essere considerati ad elevata priorità per la vaccinazione.
  • Altri operatori:MMG, PLS,operatori sanitari territoriali, che operano all’interno delle strutture sanitarie ospedaliere, operatori dipendenti del 118 e volontari del Sistema dell’Emergenza territoriale, impiegati amministrativi ospedalieri.

La Regione individuerà progressivamente altre tipologie di operatori da vaccinare nella prima fase, compresi coloro che non hanno eseguito la preadesione alla campagna vaccinale. Questi operatori, secondo modalità e tempi prestabiliti dalla Regione, potranno esercitare il diritto alla preadesione e quindi poter accedere alla fruizione del vaccino.

pdf PS.DS.11 Campagna informativa vaccinazione Anti COVID-19 personale Azienda USL Toscana Centro Popolari

Taggato in: 19, corona, covid, epidemia, pandemia, virus 465 download

Scarica (pdf, 795 KB)

PS.DS.11 Campagna informativa.pdf

PS.DS.11 Campagna informativa vaccinazione Anti COVID-19 personale Azienda USL Toscana Centro

SCOPO / OBIETTIVI :

La presente procedura vuole promuovere la strategia formativa e informativa vaccinale antiCovid-19 nella nostra Azienda. Si vuole fornire le competenze di base, gli strumenti e i contenuti tecnico scientifici necessari per garantire l’appropriatezza del percorso in tutte le fasi della campagna vaccinale includendo la somministrazione in sicurezza dei vaccini, oltreché informare il personale tutto sui percorsi intrapresi.

ALLEGATI :

Allegato 1: "Manuale Sistema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva"